Home / Novità e approfondimenti / Sparco Evolve, la fibra di carbonio entra nel simracing. Recensione
Sparco Evolve

Sparco Evolve, la fibra di carbonio entra nel simracing. Recensione

Sparco, azienda leader nel settore del racing, ha deciso di lanciarsi in un mercato affine verso lo stesso target di riferimento a cui si rivolge: quello dei simulatori di guida. Ha così lanciato diverse linee di prodotti per rendere l’esperienza virtuale il più possibile fedele alla realtà. Sempre più giocatori che provano ed approdano per la prima volta al mondo del simracing, si convertono istantaneamente e diventano fedeli consumatori di aziende in questi rami. Qual è però la punta di diamante di Sparco? Il recente prodotto su cui ha deciso di fare una grossa puntata, una postazione di guida denominata Sparco Evolve, dedicata esclusivamente alla guida virtuale e che ho avuto modo di provare personalmente.

L’amministratore delegato di Sparco, Claudio Pastoris, ha spiegato in un comunicato stampa come una volta i campioni nelle corse si formavano e imparavano a correre con i kart, ma oggi il discorso è cambiato, l’eccellenza si raggiunge sempre più spesso con i simulatori. Questo è possibile grazie ai tempi e alle continue innovazioni tecnologiche anche nel settore dell’automotive e per forza di cose, del racing. In questo caso nello specifico, c’è una vera e propria trasformazione: quelli che venivano considerati solo dei giochi sul cosiddetto “eSport”, diventano dei veri e propri sport ad altissima competizione in tutto il mondo. L’esport diventa quindi un’esperienza quanto più vicina alla realtà e sempre più campionati si susseguono nel mondo di internet, online. Possedere dunque la giusta postazione, può aiutare moltissimo a migliorare le proprie performance.

Sparco Evolve, come si presenta

Il primo impatto sulla Sparco Evolve, dopo averla tolta dalla sua confezione, è molto positivo. La cosa che salta più all’occhio è senza dubbio il sedile realizzato in fibra di carbonio, leggerissimo e da un aspetto molto aggressivo con le sue colorazioni rosso e nero. La parte anteriore del sedile è ricoperta da delle morbide imbottiture che volendo si possono togliere e lavare. Un’ottima impressione la da anche la base del telaio, anch’essa di colorazione rosso e nero con il logo Sparco stampato nei lati, e anch’essa realizzata con materiali di qualità.

Il montaggio della postazione è risultato abbastanza semplice, grazie ad un comodo manuale di istruzioni che spiega passo passo quali componenti bisogna prendere prima e dopo. Consigliamo però l’aiuto di un’altra persona perchè in alcune fasi di montaggio può risultare facoltoso collegare un componente. Se siete pratici di bulloni e chiavini, nel giro di 30 minuti dovreste riuscire a completarla. Spostarla è molto semplice grazie alla possibilità di ripiegarla ed a delle piccole ruote che aiutano il trasporto.

La parte centrale della postazione dove si posiziona il volante, cosi’ come tutto il resto, risulta molto stabile e non si avverte il minimo movimento di instabilità. A tal proposito bisogna specificare però che la postazione di guida è stata utilizzata con un semplice Logitech Driving Force GT, un volante di fascia bassa che non sprigiona una grande forza. E’ come mettere il motore di una Fiat in una Ferrari. In ogni caso, la Sparco Evolve dovrebbe garantire la massima stabilità con la maggior parte dei volanti in commercio (Logitech, Thrustmaster, Fanatec).

A sentire le parole di un responsabile Sparco però, la Evolve non è esattamente pensata anche per l’uso con volanti che hanno la tecnologia Direct Drive, con questi ultimi infatti dovrete ricorrere all’uso di un trapano per fissarlo visto che non dispone di un supporto già pronto, e la stessa cosa probabilmente vale anche per le pedaliere. Fino ad una Clubsport V3 della Fanatec quasi sicuramente non avrete problemi, ma se avete intenzione di usare una di quelle pedaliere che arriva a supportare anche 100kg di pressione, forse vi conviene creare dei supporti personalizzati per evitare piccoli movimenti dovuti alla troppa pressione. In questo caso, forse, la molta compattezza provoca un effetto boomerang. Il montante, cosi’ come la parte del telaio centrale, può essere inclinato per adattarsi alla perfezione ai diversi stili di ognuno.

Sparco Evolve, mettiamoci alla guida

Durante la guida, il sedile è perfettamente stabile in qualsiasi situazione e nelle lunghe sessioni di gioco si fa sentire, nel senso che è veramente comodo e anche nelle giornate più calde ti fa sentire meno la fatica. Il sedile della Evolve può essere regolato sia in altezza che in modo scorrevole. Potete scegliere 6 posizioni diverse a seconda di dove inserite i bulloni. Non importa se siete piccoli o grandi di corporatura, sicuramente riuscirete a trovare la configurazione più adatta a voi.

Anche la pedaliera è inclinabile (di poco) e scorrevole, su quest’ultima però è possibile scegliere solo 3 configurazioni che però sono sufficienti ad adattarsi alle proprie gambe. Punti deboli? Ne ho trovati solo un paio che però si fanno sentire abbastanza. Il primo è il prezzo. 1390 euro non sono pochi, ma visto che è dedicata ad un pubblico di appassionati si giustifica una spesa simile viste anche le caratteristiche tecniche con la fibra di carbonio.

Un tocco di classe, ma che secondo me poteva anche essere evitato oppure fare una proposta alternativa senza questo materiale per renderla più abbordabile a livello di pricing. Per circa metà prezzo ci sono infatti ugualmente postazioni di guida ottime come ad esempio la “rSeat”, la quale probabilmente offre le stesse performance della Evolve, ma in certi casi si paga anche il brand, si sa. Il secondo punto debole è la mancanza di un supporto per il cambio ad H, che a mio parere andava incluso nel pacchetto considerando il prezzo, e la mancanza di un supporto per mouse e tastiera, fattori che potrebbero far storcere il naso ad alcuni utenti più pignoli.

Sito web Sparco

About Dario

Dario De Vita, 26 anni, appassionato di simracing e tutto quello che riguarda il mondo dell'automobile in generale. Utilizzo i simulatori di guida fin dalla più tenera età, iniziando con GP4, passando per il primo rFactor per arrivare all'ultimo uscito Assetto Corsa, con il quale ogni anno partecipo ai più importanti campionati nazionali, anche internazionali, organizzati da portali esterni, ottenendo spesso dei buoni risultati. Sempre informato sulle ultime novità del mondo simracing. Scrivo articoli di approfondimento su diversi simulatori di guida cercando sempre di essere obbiettivo e mai di parte.

Check Also

setup

Quanto incide il setup sulle prestazioni di guida?

L’argomento riguardante il setup della vettura si ripropone molto spesso sui forum e sui gruppi …