Home / Novità e approfondimenti / Perché il simulatore iRacing costa così tanto? Scopriamolo
simulatore iRacing

Perché il simulatore iRacing costa così tanto? Scopriamolo

Escludendo Assetto Corsa, i videogiochi di simulazione di guida hanno un costo leggermente al di sopra della media rispetto a tutti gli altri di diversa categoria. Il simulatore iRacing è quello che ha bisogno della maggior spesa da parte dell’utente per poter essere giocato.

Simulatore iRacing o simulatore di butta soldi?

Bisogna specificare che il simulatore iRacing è nato non come un gioco “normale” ma come un servizio rivolto agli utenti, i quali possono utilizzarlo a qualsiasi ora per allenarsi ma soprattutto per prendere parte a gare online dove si possono incontrare numerosi professionisti e piloti reali. iRacing, infatti, è il simulatore di guida più utilizzato a livello mondiale e lo dimostrano i numeri con ben 60.000 utenti sempre attivi e ampiamente soddisfatti del titolo.

Anche se titoli come Assetto Corsa o rFactor 2 non sono da meno, i migliori appassionati preferiscono utilizzare soprattutto iRacing per fare gare online e competere con la comunità. Quali sono i motivi che spingono a scegliere questo simulatore piuttosto che un altro? La risposta può essere riassunta in una sola parola: MULTIPLAYER!

Il simulatore iRacing punta tutto sulla competizione online

È proprio il multiplayer il punto forte del simulatore iRacing, il quale punta tutto su questa modalità. Scordatevi intelligenza artificiale e carriera in modalità singolo giocatore, su iRacing non esiste niente di tutto ciò! Non potete perfino avviare il gioco se non siete collegati ad una connessione internet. Ecco perché il gioco può essere riassunto con la parola “multiplayer”. Chiarito questo punto, è arrivato il momento di scoprire il perché gli utenti preferiscono pagare cifre altissime su questo simulatore, cifre che possono raggiungere anche 1000 euro se si vuole sbloccare tutti i contenuti. Su iRacing ogni singola auto o circuito vengono pagati singolarmente (10$ per le auto, 15$ per i circuiti).

Oltre a questo, bisogna pagare un abbonamento mensile, trimestrale o annuale altrimenti non si potrà accedere alla vasta piattaforma. Per l’abbonamento annuale sono altri 100$ ma spesso ci sono delle offerte con il 50% di sconto. Basta con le chiacchiere e passiamo ad elencare i principali motivi per cui conviene pagare queste cifre 🙂

  • Super ottimizzazione – Non serve avere un PC da 1000 euro per poter giocare ad iRacing. Il gioco è estremamente leggero e riesce a funzionare anche su computer abbastanza vecchi e obsoleti.
  • I server del gioco sono sempre pieni a qualsiasi ora del giorno con qualsiasi vettura, quindi non c’è il rischio di annoiarsi, tranne in rari casi.
  • I giocatori/piloti su iRacing sono corretti e rispettosi nei confronti degli altri. Molto raramente vi capiterà di essere sbattuti fuori alla prima curva. (Chi è che paga centinaia di euro per rovinare la gara altrui?) 🙂
  • Su iRacing correrete soltanto con piloti del vostro calibro, quindi le gare saranno sempre combattute dal primo fino all’ultimo giro.
  • Totale gestione delle penalità a partire dalla falsa partenza fino ad arrivare alla squalifica dall’evento.
  • Classifiche di campionato compilate automaticamente dal server di gioco e sempre disponibili per la visione.
  • Risultati di qualsiasi gara memorizzati nel vostro account e sempre visibili da chiunque.
  • Sistema di patente – Se sarete scorretti in pista, uscendo di strada, andando a muro o toccando gli avversari, non potrete accedere a gare ed eventi di maggior importanza.
  • Su iRacing sfiderete i migliori professionisti di simulazione di guida.
  • Nel caso avete ricevuto una scorrettezza in pista da parte di un pilota, potete fare un reclamo nei suoi confronti tramite una sezione dedicata.
  • È probabilmente l’unico simulatore ad aver un eccellente gestione del LAG.
  • Tutti i circuiti sono riprodotti in laserscan.
  • Spesso sono disponibili premi interessanti tramite dei contest.
  • Il campione della miglior categoria (la serie con le F1) vince soldi reali.

Tutti questi motivi sono sufficienti a giustificare il prezzo del gioco? Commentate e fatemi sapere cosa ne pensate 😉

About Dario

Dario De Vita, 26 anni, appassionato di simracing e tutto quello che riguarda il mondo dell’automobile in generale. Utilizzo i simulatori di guida fin dalla più tenera età, iniziando con GP4, passando per il primo rFactor per arrivare all’ultimo uscito Assetto Corsa, con il quale ogni anno partecipo ai più importanti campionati nazionali, anche internazionali, organizzati da portali esterni, ottenendo spesso dei buoni risultati. Sempre informato sulle ultime novità del mondo simracing. Scrivo articoli di approfondimento su diversi simulatori di guida cercando sempre di essere obbiettivo e mai di parte.

Check Also

Virtual Race Car Engineer 2018

La mia recensione sul Virtual Race Car Engineer 2018

Per un neofita del simracing, il setup è un argomento totalmente sconosciuto che molto spesso …