Home / Novità e approfondimenti / Campionati online | Perché nelle ultime tappe la partecipazione crolla?
Campionati online

Campionati online | Perché nelle ultime tappe la partecipazione crolla?

Oggi sono davvero tanti i simdriver che decidono di provare il brivido di partecipare ai campionati online dei più avvincenti simulatori di guida presenti sul mercato. Competere con altri giocatori reali e quindi dover vincere un’intelligenza umana, non più dunque quella artificiale, è un qualcosa in grado di stimolare la voglia di competizione di ogni appassionato del settore. Il livello di difficoltà è sicuramente più alto e non ci si può consentire alcuna distrazione in gara, perché riuscire a recuperare terreno diventa poi più complicato.

Campionati online, cosa succede nel finale di stagione?

I simulatori più importanti consentono a ciascun simdriver di poter effettuare non soltanto un accurato setup sulla vettura, ma anche il poter personalizzare il design di quest’ultima nonché curare dettagli quali quelli relativi al casco e l’inserimento di sponsor. Competizioni online di questo tipo prevedono dunque una simulazione concreta di quello che è come campionato mondiale, ciò significa che i 20 (o più) piloti che andranno a sfidarsi dovranno dimostrare di essere i migliori nell’arco della stagione e dunque durante tutte quelle gare che fanno parte del calendario, proprio come nelle competizioni ufficiali.

Si registra però una tendenza alquanto curiosa per quel che riguarda il numero di partecipanti ai campionati online di questo tipo: se all’inizio del mondiale infatti, il numero di partecipanti è pari a 20 piloti o più, il loro numero in griglia di partenza diminuisce drasticamente con il susseguirsi delle gare, fino a dimezzarsi alle battute conclusive del campionato. È un fenomeno un po’ curioso, ma pensandoci bene i motivi per il quale ciò avviene non possono che essere fondamentalmente due. Innanzitutto, diciamo che alcuni utenti si iscrivono alle gare solamente per il gusto di vedere la propria vettura inquadrata dalle telecamere, e mostrare così a tutti la livrea personalizzata dell’auto e del proprio team. Ottenuto quel piccolo momento di popolarità, solitamente questi simdriver abbandonano il campionato, dato che non era comunque loro interesse prendervi parte. Vi sono poi tutti quei piloti che aspirano invece a competere realmente con gli altri ed hanno speranze di vittoria, ma che si rendono successivamente conto di non essere realmente competitivi ed abbandonano il campionato già dopo qualche gara, o comunque quando realizzano di non avere più alcuna possibilità di poter coronare il sogno iridato. Non trovando più particolari stimoli per partecipare, dati i frequenti piazzamenti nelle retrovie e l’impossibilità di riuscire ad occupare una posizione di rilievo nella classifica finale del mondiale, spesso questi simdriver decidono di abbandonare la competizione nell’attesa che inizi quella successiva per riprovarci.

Secondo me, e spero di aver risolto i dubbi di quanti si ponevano questa domanda a tal proposito, sono esattamente questi due i motivi per i quali spesso il numero di partecipanti ad un campionato online si riduce drasticamente man mano che ci si avvicina al termine della competizione. Voi come la pensate?

About Dario

Dario De Vita, 26 anni, appassionato di simracing e tutto quello che riguarda il mondo dell'automobile in generale. Utilizzo i simulatori di guida fin dalla più tenera età, iniziando con GP4, passando per il primo rFactor per arrivare all'ultimo uscito Assetto Corsa, con il quale ogni anno partecipo ai più importanti campionati nazionali, anche internazionali, organizzati da portali esterni, ottenendo spesso dei buoni risultati. Sempre informato sulle ultime novità del mondo simracing. Scrivo articoli di approfondimento su diversi simulatori di guida cercando sempre di essere obbiettivo e mai di parte.

Check Also

Competizione

Competizione avrà solamente le vetture GT3

Dopo l’annuncio ufficiale di Assetto Corsa Competizione avvenuto nella giornata di ieri, sono stati ovviamente …