Home / Novità e approfondimenti / Assetto Corsa e SF70H | Ha senso una simulazione di questo tipo?
sf70h

Assetto Corsa e SF70H | Ha senso una simulazione di questo tipo?

Assetto Corsa, uno dei migliori simulatori di guida attualmente presenti sul mercato, ha recentemente ampliato la propria offerta proponendo agli appassionati l’estensione “Ferrari 70th Anniversary Celebration Pack”, dopo oltre 8 mesi di sviluppo. Si tratta di uno speciale pacchetto che presenta sette famosi modelli Ferrari del passato e del presente: tra questi, la mitica Ferrari 312 del 1967 e la bellissima Ferrari 288 GTO, progettata da Pininfarina, ma soprattutto la splendida SF70H attualmente impegnata nel campionato mondiale di Formula 1 2017.

Forse se ne poteva fare a meno della SF70H

Proprio a proposito della monoposto dei nostri giorni, vi è da sottolineare la riluttanza della casa di Maranello nel fornire agli sviluppatori di Assetto Corsa tutti i dati necessari per rendere l’esperienza di guida il più possibile vicina alla realtà, limitandosi a fornire parametri “base” come ad esempio quelli relativi alle sospensioni. Tale decisione da parte della scuderia del cavallino rampante, va interpretata come una volontà di non rivelare dettagli e dati sensibili relativi alla monoposto attualmente impegnata nel mondiale di Formula 1 per evitare che questi possano divenire di pubblico dominio, e finire di conseguenza nelle mani degli ingegneri delle scuderie avversarie che potrebbero utilizzare tali informazioni per trarne vantaggio in pista.

Le scuderie di Formula 1 infatti, sono notoriamente restìe nello svelare il frutto del proprio lavoro di ricerca e sviluppo, in particolar modo quando vi è una importante competizione sportiva in corso come quella di un campionato del mondo. Si tratta di una scelta comprensibile, dato che dietro c’è un lungo lavoro di perfezionamento ma soprattutto interessi economici non indifferenti: se pensiamo infatti alle cifre a nove zeri che ruotano attorno al mondo della Formula 1, in particolar modo per le scuderie che riescono a conquistare il titolo iridato, è facile intuire quale sia il motivo che spinga gli addetti ai lavori a non divulgare informazioni che potrebbero concedere determinati vantaggi agli avversari.

Il legittimo interesse della casa di Maranello nel non rivelare dati e parametri sensibili ed in grado di spostare gli equilibri in pista, fa si che gli sviluppatori del gioco non abbiano avuto a disposizione tutte quelle informazioni necessarie a rendere l’esperienza di guida della SF70H il più fedele e veritiera possibile: per un simulatore di guida così importante però, è fondamentale avere a disposizione quanti più dati e parametri tecnici in grado di regalare a ciascuna vettura un comportamento tale da farlo sembrare il più realistico possibile. In assenza di tali informazioni la simulazione di guida, per forza di cose, non potrà essere fedele e rispecchiare il reale comportamento della monoposto che conosciamo, ma regalerà un’esperienza di guida artefatta e lontana da quelle che sono le reali performance in pista. Dato che stiamo parlando di uno dei migliori simulatori di guida attualmente presenti sul mercato, e l’eccezionale livello di realtà di gioco cui Assetto Corsa ha abituato migliaia di utenti in tutto il mondo, mi chiedo che senso possa avere proporre una determinata vettura in un simulatore di guida quando non se ne conoscono i dati tecnici necessari a rendere la simulazione genuina ed il più possibile vicina alla realtà.

Non dimentichiamoci però che questa vettura è stata votata dalla community, ma sicuramente la Kunos sapeva fin da subito che non avrebbero ricevuto tutti i dati, quindi perchè inserirla nella votazione? Voi come la pensate?

About Dario

Dario De Vita, 26 anni, appassionato di simracing e tutto quello che riguarda il mondo dell’automobile in generale. Utilizzo i simulatori di guida fin dalla più tenera età, iniziando con GP4, passando per il primo rFactor per arrivare all’ultimo uscito Assetto Corsa, con il quale ogni anno partecipo ai più importanti campionati nazionali, anche internazionali, organizzati da portali esterni, ottenendo spesso dei buoni risultati. Sempre informato sulle ultime novità del mondo simracing. Scrivo articoli di approfondimento su diversi simulatori di guida cercando sempre di essere obbiettivo e mai di parte.

Check Also

Kunos Simulazioni

Cosa deciderà di fare la Kunos Simulazioni in futuro?

La Kunos Simulazioni, una software house specializzata nella creazione di simulatori di guida, ha ricevuto la …

  • Quello che mi domando io piuttosto è se il motore Assetto Corsa è in grado di entrare così profondamente nei dettagli di una vettura di Formula 1 da riprodurne in modo fedele il comportamento. Mi spiego, se anche Ferrari avesse dato accesso a Kunos i progetti completi della vettura (ipotesi per assurdo che secondo me non si verifica nemmeno per vetture di 10 anni fa), poi Kunos sarebbe stata in grado di simulare per esempio tutti i complessi dettagli aerodinamici di una F1? E tutte le micro variabili che fanno di una vettura da F1 quello che è realmente in pista? Se questo fosse possibile vorrebbe dire che gli ingegneri di Maranello potrebbero trovare l’assetto perfetto dell’auto direttamente al computer ancora prima di mandarla in pista. E l’interfaccia utente di Assetto Corsa, prevede tutte queste variabili custom?

    Secondo me il motore di Assetto Corsa è in grado di gestire parametri che non sono particolarmente strategici in F1 e che ogni casa è in grado di intuire facilmente nei confronti delle altre. La differenza la fanno i piccoli dettagli segreti, che probabilmente Kunos non saprebbe come tradurre in codice.

    • Dario

      Ottima osservazione la tua. Sicuramente il motore fisico di Assetto Corsa ha dei limiti, così come tutti gli altri. Se non sbaglio, Aris della Kunos ha spiegato fin dove si spinge il motore fisico durante la giornata del Game & Track, ma purtroppo non c’è stato uno streaming per vederlo

  • Smiggie

    Fa piacere che finalmente si comincia a farsi delle domande, invece di restare col prosciutto sugli occhi.

    Qui signori il problema è quanto si vuol scendere a compromessi realizzando la controparte di una vettura virtuale. Come avete già scritto voi il problema è su due fronti, 1) i dati raccolti; 2) la capacità del motore fisico di riprodurli. Riguardo questi due punti vi ricordo un paio di cose che sono successe…

    A riguardo del punto 1, i dati raccolti: https://pretendracecars.net/2016/01/04/numbers-matching-has-a-negative-connotation/

  • Smiggie

    Fa piacere che finalmente si comincia a farsi delle domande, invece di restare col prosciutto sugli occhi.

    Qui signori il problema è quanto si vuol scendere a compromessi realizzando la controparte di una vettura virtuale. Come avete già scritto voi il problema è su due fronti, 1) i dati raccolti; 2) la capacità del motore fisico di riprodurli. Riguardo questi due punti vi ricordo un paio di cose che sono successe…

    A riguardo del punto 1, i dati raccolti…. Torniamo a Gennaio 2016, andatevi a leggere l’articolo di prc:

    https://pretendracecars.net/2016/01/04/numbers-matching-has-a-negative-connotation/

    Sapete come si sono giustificati alla Kunos? Dicendo che la 650 GT3 era stata sviluppata da poco, avevano pochi dati e perciò hanno fatto quel che hanno potuto…

    Punto 2, la capacità del motore fisico di riprodurre i dati… Sempre gennaio 2016:

    http://www.racedepartment.com/threads/assetto-corsa-2015-and-beyond.115468/page-27#post-2159462

    Si scopre che la Mito, la 500, e la Giulietta, auto comunissime in Italia, dove sicuramente non sono i dati che mancano, vengono simulate tutte e 3 utilizzando un modello di quadrilateri sovrapposti al retrotreno. Attenzione, si parla di 3 auto con la stessa identica geometria al posteriore, quando nella realtà la Giulietta al retrotreno ha un raffinato multilink e 500 e Mito un ponte torcente.

    Nel frattempo si continuava a leggere i commenti di gente che spinti dalla “fede” continuavano (e continuano) a scrivere che AC è il simulatore più accurato della storia LOL.

    • Dario

      Non voglio fare l’avvocato del diavolo ma secondo me ci sta che alcuni dati sono uguali tra diverse auto simili. Infondo dobbiamo ricordarci che è pur sempre un “gioco” da 30 euro

      • Smiggie

        Non condivido Dario.

        Io capisco un ragionamento del genere per le auto di Gran Turismo magari, non per un simulatore che si spaccia come il più accurato del mercato, per me è inconcepibile.

        E mi da ancora più fastidio che usino delle “scorciatoie” o che scendano a compromessi proprio sulle auto più stupide da realizzare e più comuni, perchè non oso immaginare allora come venga simulata una F1 del 2017…

        • Dario

          Quell’articolo comunque è abbastanza vecchio, bisognerebbe vedere se i dati sulla McLaren sono stati aggiornati, cosa che penso abbiano fatto. Per la F1 2017 invece penso che non si potrà fare molto per il discorso che stiamo facendo, ma questo vale per tutti i simulatori, incluso iRacing. Diciamo che la F1 2017 equivale ad essere un’ottima mod

          • Smiggie

            No non l’hanno fatto, ti basta scaricare un tool stupidissimo per decriptare i file data.acd e controllare tu stesso.

            Si chiama quickbms e lo script che ti serve è acd extractor 0.1a 😉